Alessandro Di Battista M5S

Alessandro Di Battista

in Personaggi by

Alessandro Di Battista, nato a Roma nel 1978, figlio del già consigliere comunale del Movimento Sociale Italiano, è da considerare come la vera e propria essenza del partito M5S, insomma il candidato perfetto alla carica dello stesso partito.\r\n

La vita di Alessandro Di Battista….

\r\nDiplomatosi presso il liceo scientifico, laureato  al DAMS conseguendo così la laurea in discipline dell’arte, della musica e dello spettacolo, successivamente presso l’Università la Sapienza di Roma  consegue un Master di secondo livello in tutela internazionale dei diritti umani.\r\n\r\nAlessandro Di battista, si è sin da subito spicca per la sua dedizione  nel campo della solidarietà e l’altruismo, infatti si occupa del sociale, come ad esempio nel Guatemala, dove si preoccupa dell’educazione e di progetti produttivi in queste comunità indigene.\r\n\r\nDedito ad arricchirsi si esperienze umanitarie, nel 2008 si occupa del microcredito e dell’istruzione in Congo-Kinshasa, e per l’Unesco si occupa del diritto dell’alimentazione.\r\n\r\nFamose le sue collaborazioni con il Consiglio italiano per i rifugiati, con la Caritase con Amka onlus, tutte organizzazioni che si occupano della realizzazioni di progetti per quanto riguarda lo sviluppo nei paesi australi.\r\n\r\n\r\n\r\nDue anni dopo nel 2010 parte per il Sud America dove lavora alla stesura del suo libro intitolato Sulle nuove politiche continentali, e successivamente due anni dopo gli viene affidato dalla Casaleggio Associati la stesura di un altro libro su i sicari sudamericani, nel quale parla e analizza l’inizio del fenomeno del sicariato e cerca di proporre alcune possibilità di soluzione, pubblicato poi in formato eBook intitolato Sicari a cinque euro.\r\n

Alessandro Di Battista e il suo inizio politico….

\r\nNel 2011 comincia a collaborare nel blog del famoso Beppe Grillo divenendo così quello che adesso si può definire in vero e proprio successore dello stesso, occupandosi di pubblicare reportage sull’Enel e su  tutto ciò che  le azioni di quest’ultima provocano in Guatemala, notizie che non fanno altro che sconvolgere l’opinione pubblica, così tanto da arrivare ad aprire  un’inchiesta parlamentare.\r\n\r\n\r\nEd è proprio nel 2008 che inizia la sua attività come politico, quando decide di candidarsi alle comunali di Roma nella lista Amici di Beppe Grillo, entrando così successivamente nel Movimento 5 Stelle diventando i l portavoce per il Lazio.\r\n\r\nNel febbraio 2013 viene eletto come deputato alla Camera, e decide così di far fede a quanto dichiarato in precedenza, e a differenza di un normale politico che percepisce uno stipendio netto pari a 5.000  Euro più una diaria, rimborsi obbligatori, viaggi, chiamate per un totale che si aggira in torno ad 80.000 euro, Alessandro Di Battista così come tutti gli eletti del Movimento 5 Stelle decide di rinunciare a tutti i privilegi e percepire solo uno stipendio pari a 2.500 Euro, e con le somme risparmiate costruire un fondo per le piccole e medie imprese e restituendo così  dette somme ai cittadini.\r\n\r\n

\r\n\r\n

Alessandro Di battista sà cosa piace al popolo.

\r\nBen presto comincia a far parlare di sè, riuscendo ad ammaliare il popolo, come quando durante una trasmissione Bersaglio Mobile comincia a fare riferimento ai parlamentari Civati e Cuperlo accostando ad essi la parola Mafiosi ” LA mafia è Civati che è costretto a rimanere in un partito dove ha pagato 35 mila euro per rimanere in Parlamento…La Mafia è Cuperlo che ha buone idee menzionando Berlinguer, ma pur di rimanere su quella sedia accetta qualunque cose perché chieda dal partito” citazioni che successivamente lo stesso Di battista dichiara di aver detto solo per riferirsi a quella mafia che non consente a uomini intelligenti come Civati e Cuperlo  di liberarsi dalla schiavitù di un partito.\r\n\r\nIl popolo non può non amare uno che dimostra essere uno di loro che decide di sedersi a terra durante i suoi comizi, oppure che si esprime rivolgendosi a “quegli altri” che dovrebbero tagliarsi lo stipendio, con sorrisi ammiccanti.\r\n\r\nNel 2014 sul blog di Beppe Grillo fà capolino un post firmato Di battista dove afferma “che dovremmo smetterla di pensare ai terroristi come dei soggetti disumani con le quali no si può instaurare nemmeno un discorso. Per chi si ribella il terrorismo, è l’unica arma rimasta di coloro che si ribellano per potersi difendere. Se si decide di bombardare un paese attraverso l’utilizzo dei Droni, quelle persone per difendersi aldilà di tecniche non violente hanno una sola possibilità di difesa, e cioè quella di farsi saltare in aria imbottiti di esplosivo. Non giustifico nè approvo, ma cerco solo di capire. Un soggetto che decide di rispondere ad un’azione violenta che è costretto a subire non lo sconfiggi mandando ancora Droni ma elevando ad interlocutore“.\r\n

Alessandro Di Battista, è solo un fenomeno mediatico?

\r\nSembra sempre sapere dove si trova, riesce sempre a sfruttare al meglio ogni occasione, come quando decide di fare irruzione all’interno di una sala stampa impedendo così al rappresentante del Pd Speranza di fare una dichiarazione alla tv, instaurando perciò un favoloso battibecco con lo stesso.\r\n\r\nSfruttando la situazione a suo piacimento non appena Speranza decide di abbandonare la sala stampa, Di Battista non perde occasione per voltarsi e verso le telecamere e sferrare così il suo ultimo colpo di scena…. gridando “gli Italiani hanno fame e voi gli avete tolto il pane“\r\n\r\nSono in molti quelli che pensano che Alessandro Di Battista sia solo un fenomeno mediatico, in un’era fatta di link che ti spingono a cliccare per conoscere altre informazioni o di titoli incisivi che colpiscono tutti, insomma una porta tra il mondo della televisione e quello del web.\r\n\r\nMa tuttavia dal 2013 il punto di riferimento del Movimento 5 stelle, non è solo Di Battista ma egli viene affiancato da Luigi Di Maio, entrambi molto apprezzati all’interno del mondo politico così tali da far pensare ad incarichi piuttosto importanti, ma soprattutto ci si chiede chi dei due diverrà il prossimo leadership del movimento 5 stelle?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*